FOR THE ENGLISH PART OF THE BLOG: HERE
Post unico: speciale calciomercato Lokomotiv Mosca inverno 2013-2014.

In questo post discuteremo su tutto il calciomercato invernale in casa Lokomotiv. Dai rumors ai nostri sogni, passando per considerazioni e dichiarazioni. Rimanete sintonizzati, visto che c'è sempre un giocatore pronto ad arrivare alla corte di Kuchuk e noi saremo gli unici ad anticiparvi il tutto.

mercoledì 23 aprile 2014

26a giornata RPL 2013-2014.

Sempre più sorprendente questo Ural, che nel caldo derby degli Urali ha la meglio sull'Amkar, già in vacanza e che sta pensando a come riprogrammare la prossima stagione dopo il passaggio di Cherchesov alla Dinamo. Vince il Tom' contro il Krylya nell'importantissimo scontro salvezza andato di scena a Tomsk. Villas Boas, nel frattempo, fa 5 su 5 con lo Zenit. Stavolta a perire è un buon Anzhi, che deve piegarsi alla ormai ottima sorte dei 'Bomzhi'. Nella sfida tra delusioni, vince il Rubin nel finale, che cancella in questo modo matematicamente ogni possibilità di vincita di titolo per lo Spartak. Colpaccio del Krasnodar alla Khimki Arena, dove ottiene i tre punti a scapito di una Dinamo troppo discontinua. Imperioso 4 a 0 rifilato dal CSKA al Kuban', sfortunato, impreciso e penalizzato dall'espulsione di Bugaev a fine primo tempo. Chiude il Volga, che torna a sperare alla salvezza, battendo di misura un Rostov praticamente mai sceso in campo.








МКОМАНДАИО
1ЗЕНИТ2656
2ЛОКОМОТИВ2655
3ЦСКА2652
4ДИНАМО2646
5СПАРТАК2644
6КРАСНОДАР2643
7АМКАР2636
8РОСТОВ2635
9КУБАНЬ2632
10РУБИН2631
11УРАЛ2627
12ТЕРЕК2626
13КР. СОВЕТОВ2625
14ТОМЬ2624
15ВОЛГА2621
16АНЖИ2616

sabato 19 aprile 2014

26a giornata: Lokomotiv - Terek 2-1.

Torna al successo la Loko, ma non basta. Un super Pavlyuchenko permette di ribaltare la gara contro il Terek, ma, complice il successo dello Zenit, i 'Ferrovieri' sono ancora secondi. Continua così l'inseguimento, prossima tappa: Krasnodar


Commento e analisi del match.
In casa Loko ci sono diversi cambiamenti di formazione rispetto alla partita contro l'Anzhi: in porta si rivede Guilherme, in mezzo al campo torna Shishkinsulla trequarti fiducia a Grigorjev, mentre in attacco per forza di cosa inizia Pavlyuchenko. La Loko parte aggressiva e la prima occasione è sui piedi di Grigorjev, il quale però da buona posizione non riesce a beccare lo specchio della porta. I padroni di casa giocano nel complesso meglio, sfruttando discretamente le fasce, ma gli ospiti tengono alla grande. E, anzi, sono proprio i 'Ceceni' a passare in vantaggio per primi con un contropiede finalizzato magistralmente da Ailton, che in un colpo solo umilia Yanbaev, Denisov e Guilherme. A questo punto i 'Ferrovieri' rispondono subito con un tiro potente di Pavlyuchenko, tuttavia Godzyur risponde con sicurezza. Poco prima della fine dei primi quarantacinque minuti, i rossoverdi organizzano una sorta di assedio alla porta cecena, ma tra batti e ribatti, la palla non vuole saperne di entrare, con Samedov che si mangia un'occasione colossale. Si passa così alla ripresa, dove Kuchuk è costretto ad un cambio: fuori per infortunio Sheshukov, dentro Mykhalyk. I padroni di casa conducono ancora il gioco e la prima chance della seconda frazione è per Boussoufa, il quale colpisce il palo su una punizione ben calibrata. Poco dopo il Terek pareggia il conteggio dei pali sempre con Ailton, il quale si smarca efficacemente in area e conclude altrettanto bene. Sembra l'inizio della fine, ma ecco che si sveglia il giocatore che non ti aspetti: Pavlyuchenko. Al 72' di rapina in area batte Godzyur; poi poco dopo, su cross perfetto di Samedov, insacca di nuovo di testa. Ormai Cherkizovo è così in subbuglio, che gli ospiti non possono fare più niente: la rimonta è completata. Lokomotiv che rimane così in scia dello Zenit, che a Makhachkala ha vinto con molto cinicità per 1-2.

Queste le parole di Kuchuk: Quando Pavlyuchenko ha segnato il secondo gol, tu sei stato l'unico non felice. Immediatamente hai spiegato qualcosa a Shishkin. "Voi non vedete niente. Ho gioito per pochi secondi e subito dopo ho dato altre indicazioni. La partita è stata molto difficile. Se non si tiene sull'attenti i propri giocatori ora, è difficile diventare una vera squadra. Tutti hanno combattuto fino alla fine, il resto non è importa. E' stato un match di carattere." Pavlyuchenko ha capito il tuo credo, ma che cosa ne pensi della concorrenza in attacco della Loko? "Mi sono congratulato con lui: è stato fantastico. Vuole dimostrare il suo valore e gioca con carattere. Ha un grande qualità: il senso del gol, e per questo dobbiamo ringraziare i genitori. Nell'ultima fase della partita ha fatto la differenza e, per aver giocato dall'inizio alla fine, devo ringraziarlo." Hai qualche criterio per decidere chi parte in porta? "No, non posso rivelare il mio segreto. Sono grato ad Ilya per tutte le sue partite, quando è arrivato da noi è diventato un baluardo di affidabilità. Sono grato anche a Guilherme, il quale ovviamente avrà occasioni per tornare al meglio. Come risultato, abbiamo due portieri di altissimo livello. A seconda delle sfumature delle gare e degli avversari, scegliamo uno tra loro. Compensano le proprie debolezze a vicenda. Io li osservo tutto il tempo e spero che non risentano l'un l'altro di questo. Sono relazioni reciproche di lavoro." Con Abaev avete ottenuto solo due pareggi. "Almeno non erano sconfitte. Nel calcio la casualità è un elemento fondamentale. Per evitare questo, è necessario il carattere. Quinidi, anche se qualcosa non va, dobbiamo avere la forza di superarlo." La Loko ha vinto di rimonta, ma tu sei contento della partita? "Certo, anche se possiamo discutere sul fatto che il match sia stato divertente o meno. Sono soddisfatto per il carattere mostrato.Come allenatore, le recenti apparizioni di pongono dei quesiti? Oggi è stata una gara difficile, mentre contro l'Anzhi è arrrivato un pareggio. "Qualsiasi allenatore serio affronta questo. Proseguendo la stagione, si dovrebbero risolvere i problemi e migliorare. Un coach professionale rivede sempre i propri studi. Il Terek è una squadra potente, che si difende bene e che sa ripartire rapidamente. E' stato così necessario superarli. Per quanto riguardo il pareggio, gli avversari hanno creato una sola occasione e non hanno mai colpito la porta. Noi, invece, abbiamo creato cinque occasioni da gol che non abbiamo concretizzato. In questi casi non bisogna agitarsi, cercando di segnare. L'autostima e la fiducia per il resto della squadra vengono prima di tutto." La corsa al titolo colpisce psicologicamente la squadra? "In ogni caso e in ogni campionato. Qualsiasi persona è interessata, anche se tutto questo viene sopravvalutato per me. Noi vogliamo raggiungere un risultato e ci proviamo."  All'inizio della stagione ci sono state un certo numero di partite in cui la Loko ha guadagnato punti nel finale. Ora sta succedendo la stessa cosa. E' importante per voi? "Nella partita di oggi ci sono state poche riserve, ma abbiamo sfruttato le nostre occasioni. Quando ti rendi conto che puoi affondare, affonda, questo vale per tutta la squadra, ne vale la pena."  

Lokomotiv Mosca - Terek Groznyi 2-1
30' Ailton, 72' Pavlyuchenko, 80'  Pavlyuchenko.
Lokomotiv: Guilherme, Yanbaev, Corluka, Durica, Denisov, Shishkin, Sheshukov (Mykhalyk, 46), Samedov, Boussoufa (Ozdoev 87), Grigorjev (Tkachyov, 58), Pavlyuchenko. 
Terek: Godzyur, Ojala, Semenov, Temnikov, Komorowski, Mauricio, Kanu (Bokila 75), Ivanov, Rybus, Lebedenko (Piriz, 83), Ailton.
Ammonizioni: 15' Denisov, 29' Mauricio, 37' Komorowski, 55' Lebedenko, 61' Temnikov, 86' Boussoufa, 90' Corluka.
Arbitro: Sergey Lapochkin (San Pietroburgo). 19 aprile. Lokomotiv Stadium, Mosca. 8.625 spettatori.

Pagelle.
Guilherme 6 | Sul gol è incolpevole e in generale il Terek non è mai realmente pericoloso.
Yanbaev 4.5 | Per ben due volte si perde gravemente Ailton. Nella prima occasione il centravanti ospite segna, nella seconda prende il palo. Meglio la fase d'attacco per il biondo terzino di Krasnodar. 
Durica 6.5 | Continua il sua periodo di ottima forma.
Corluka | Sala in cattedra per l'ennesima volta in stagione e fa l'eroe. Unico neo: l'ammonizione nel finale. Se a Krasnodar, infatti, ne prende un'altra salterà lo Zenit. Occhio.
V. Denisov | Primo tempo da incubo, si riprende leggermente nella ripresa dove spinge maggiormente. Fuori forma, comunque, rispetto ai primi match di questo 2014.
Shishkin 5.5 | Torna titolare e in mezzo da tutto quello che può, anche se i risultati non sono dei più confortanti... 
Sheshukov | Prima di uscire per infortunio è stato uno dei più positivi. Da valutare le sue condizioni per la dura trasferta nel sud della Russia.
Grigorjev 4.5 | Praticamente mai in partita, esce nella ripresa. 
Samedov 6.5 | Il più positivo sulla trequarti. Tanti spunti e l'ennesimo segnale a Capello, in tribuna: in Brasile il titolare è lui. 
Boussoufa | Alcuni buoni spunti, ma ancora lontano parente di quello del 2013
Pavlyuchenko 7.5 | Si sveglia nel finale e lo fa alla grande. Capello in tribuna l'avrà notato? Chissà, intanto Kuchuk si coccola la sua scommessa vinta. Bravo Roman. 
Mykhalyk | Entra e in mediana fa quello che deve fare.
Tkachyov 5.5 Anche lui subentrato, mai realmente nel vivo del gioco. Fortunato a trovarsi al posto giusto nel momento giusto: è suo l'assist di testa per l'1-1.
Ozdoev s.v.  Entra nel finale e non può essere decisivo. 
Kuchuk 6.5 | La rosa a disposizione in questo momento è questa. Molti gli infortunati, tante le riserve. Punta sul carattere e su Pavlyuchenko: vince il match alla grande. 

Statistiche e curiosità.
Gara casalinga numero 200 vinta dalla Lokomotiv in tutta la storia della RPL da quando si chiama così (1992)

La Molodezhnoye.
Tornano in terza posizione gli uomini di Klyuev grazie ad una bella vittoria di sostanza, finalmente, contro le riserve del Terek. Apre il solito Lomakin, che raggiunge Koryan a quota 12, raddoppia Anisimov e la chiude Anton Miranchuk su rigore. Nel mezzo, il gol Yashin che aveva accorciato le distanze. Per la classifica: QUI.  

venerdì 18 aprile 2014

Preview Lokomotiv Mosca - Terek Groznyi.

Terek
Локомотив // ТЕРЕК

Sabato 19 Aprile 2014
(Lokomotiv Stadium, Mosca)
13.30  Lokomotiv Mosca Terek Groznyi
Arbitro: Sergey Lapochkin (San Pietroburgo).
Assistenti: Igor' Demeshko (Khimki) e Dmitry Koloskov (Ufa).
Quarto uomo: Boris Larin (Mosca).
Ispettore: Aleksander Safonov (Mosca).

Precedenti
2005
Terek - Lokomotiv 0-3: 13' Bilyaletdinov, 69' Khokhlov, 76' Asatiani.
Lokomotiv - Terek 4-0: 38' Bilyaletdinov, 42' Evseev (rig.), 50' Asatiani, 69' Sychev.
2008
Terek - Lokomotiv 2-1: 23' F. Petre, 62' aut. G. Pereyra; 36' Glushakov.
Lokomotiv - Terek 2-0: 33' Cocis, 37' Torbinskiy.
2009
Terek - Lokomotiv 2-1: 24' Sadaev, 54' Pancu; 80' Rodolfo.
Lokomotiv - Terek 4-0: 13' e 52' Odemwingie, 65' Glushakov, 90' aut. Bouli.

2010
Terek - Lokomotiv 0-0
Lokomotiv - Terek 2-1: 3' Aliev (rig.), 28' Maicon; 20' Mauricio. 

2011
Lokomotiv - Terek 4-0: 28' e 43' Shishkin, 67' Glushakov, 80' Gatagov.

Terek - Lokomotiv 0-4: 22' Glushakov, 44' Glushakov (rig.), 47' Caicedo, 88' Maicon. 
2012

Terek - Lokomotiv 0-3: 62' Grigorjev, 83' Obinna, 80' Maicon.
Terek - Lokomotiv 3-1: 26' Ailton (rig.), 104' Utsiev, 108' Ailton; 82' Caicedo. 
2013
Lokomotiv - Terek  1-1: 4' Durica; 7' Mauricio. 
Terek - Lokomotiv 0-1: 90'+1 Samedov.

Lokomotiv:
AssentiZapater (infortunato), Tarasov (infortunato), Tigorev (infortunato), Maicon (infortunato), N'Doye (squalificato).
In dubbio: Diarra (infortunato).

Attuali posizioni in classifica:

Lokomotiv Mosca: 2.
Terek Groznyi: 11.

Streaming (disponibile mezz'ora prima dell'inizio della partita):
QUI.

-NTV Nash Futbol. Commentatori: Vladislav Baturin. 

Numeri:
//.
___________________________________________________________________

Come se i due punti persi contro l'Anzhi non bastassero, da Mosca arrivano altre pessime notizie. L'infortuno rimediato da Maicon al bicipite femorale è grave e lo costringerà a star fuori almeno fino a fine stagione. Una grave perdita per Kuchuk, il quale almeno recupera stabilmente Boussoufa e Diarra, quest'ultimo per fortuna uscito solo malconcio contro la sua ex squadra. Il tecnico bielorusso, senza il brasiliano, dovrà così inventarsi una soluzione altrettanto efficace sulla corsia mancina. Il più indiziato è sicuramente Tkachyov, il quale già nei ritiri di gennaio e febbraio aveva dimostrato discreta personalità. Occhio comunque anche a Ozdoev e Aleksey Miranchuk, i quali entrerebbero facilmente alla ribalta qual'ora Boussoufa venisse spostata sulla fascia. Tuttavia, la sfortuna rossoverde non si ferma qui. Per il quarto cartellino giallo rimediato da N'Doye nel finale contro i 'Daghi', infatti, il senegalese dovrà saltare il match per squalifica. Dentro così Pavlyuchenko, che ha di nuovo una chance importante. Tra tutti questi nomi, inoltre, occhio anche a Koryan, acclamato su Twitter con una sorta di petizione. Tornato dalla nazionale U19, dove ha giocato sempre, sul suo talento non si discute e chissà che Kuchuk non gli conceda spazio.
Nemmeno dall'altra parte, però, mancano gli assenti, a dimostrazione di come sia quasi un match tra riserve. In difesa mancheranno capitan Utsiev, espulso contro il Rostov, insieme a Kudryashov, il quale ha ancora la mano rotta, e Antonio Ferreira, infortunato. In mezzo al campo, invece, i 'Ceceni' dovranno fare a meno del brasiliano fluidificante Adilson, ancora fuori per influenza, e sopratutto Oleg Ivanov, vero leader anche lui squalificato. Tutte perdite importanti per Rakhimov, il quale però si può ritenere soddisfatto di questa seconda parte di stagione. Con lui in panchina, il club di Kadyrov sta andando alla grande, tant'è che in questo 2014 hanno perso solo due volte: a Ekaterinburg contro l'Ural, subendo due reti nel finale dall'armeno Manucharyan, e in Kubok Rossii contro il CSKA, in una gara tiratissima. Come Gadzhiev a Makhachkala, infatti, anche l'ex Lokomotiv ha trovato la quadratura del cerchio. Il ritorno di Godzyur fisso in porta, l'arrivo di Semenov da Perm' in mezzo alla difesa e un sacco di motivazioni, infatti, hanno portato molti punti salvezza. Le stelle sono prevalentemente Rybus sulla corsia mancina, vero talento, e Mauricio in mediana, il quale unisce ad un'ottima tecnica il senso degli inserimenti. Occhio anche all'attacco composto da Bokila e Ailton, due pivot che non si tireranno di certo indietro. A contrastarli, Kuchuk si affiderà come al solito a Corluka e Durica, i quali verranno affiancati a destra da Shishkin e a sinistra da Yanbaev, che probabilmente prenderà il posto di Denisov, un po' sottotono negli ultimi impegni. A metà torna Diarra insieme a Sheshukov, mentre sulla trequarti spazio al genio e sregolatezza di Boussoufa più Tkachyov. Come dimostrato ampiamente, il Terek è una squadra arcigna e che sicuramente non verrà a Cherkizovo a regalare punti. Visto, inoltre, che le squadre allenate da Kuchuk soffrono terribilmente le difese chiuse, questo sarà un ulteriore problema. Nelle ultime quattro partite di campionato, i 'Ceceni' hanno subito solo due gol e tanto basta a descrivere come sarà dura per Pavlyuchenko mettere il suo nome sul tabellino dei marcatori. Altri passi falsi, però, non sono più concessi. Lo Zenit passeggerà a Makhachkala, per questo la Loko è chiamata ad un solo risultato: la vittoria, guardandosi anche alle spalle per via di un CSKA in stato di grazia. Mancano cinque giornate e non si possono più perdere punti, a partire da domani alle 15.30 ore russe. Vpered Loko.

FORMAZIONI
Lokomotiv Mosca (4-2-3-1)
Abaev
Shishkin -  Corluka - Durica - Yanbaev
Diarra - Sheshukov
Samedov - Boussoufa - Tkachyov
Pavlyuchenko
--------------------------------------------------------------
Terek Groznyi (4-4-2)
Godzyur
Temnikov Semenov Ojala - Komorowski 
Rybus - Mauricio -  Kanu - Lebedenko
Bokila - Ailton

mercoledì 16 aprile 2014

25a giornata RPL 2013-2014.

Torna a vincere lo Spartak, che a Cherkizovo batte di misura un coraggioso Krylya. Pareggio a reti bianche in Siberia, dove Tom' e Amkar decidono di non farsi del male. 1-0 è anche il risultato con cui il CSKA batte non senza soffrire l'Ural rivelazione di questo 2014. Il Terek ormai è tornato convincente con Rakhimov e contro il Rostov non ha problemi a far felici i propri tifosi. Altro successo per lo Zenit di Villas Boas, che grazie a molti episodi favorevoli si sbarazza di un Krasnodar comunque non esaltante. Sempre più irriconoscibile questo Rubin, che a Kazan' perde anche contro il Kuban'. Chiude la goleada della Dinamo, che in quel di Nizhny Novgorod strapazza un Volga che in questa seconda parte di stagione non ha conquistato ancora un solo punto e che ora rischia veramente tanto. 








МКОМАНДАИО
1ЗЕНИТ2553
2ЛОКОМОТИВ2552
3ЦСКА2549
4ДИНАМО2546
5СПАРТАК2544
6КРАСНОДАР2540
7АМКАР2536
8РОСТОВ2535
9КУБАНЬ2532
10РУБИН2528
11ТЕРЕК2526
12КР. СОВЕТОВ2525
13УРАЛ2524
14ТОМЬ2521
15ВОЛГА2518
16АНЖИ2516

domenica 13 aprile 2014

25a giornata: Lokomotiv - Anzhi 0-0.

Finisce con un deludente pareggio a reti bianche l'ennesimo test match per gli uomini di Kuchuk. Tanta sfortuna e un Kerzhakov per un giorno figlio di Jashin, infatti, impediscono alla Loko di fare bottino pieno, la quale perde così il posto da capolista a favore dello Zenit


Commento e analisi del match.
Come nei precedenti incontri, Leonid Kuchuk sorprende tutti e attua dei cambiamenti di formazione. In questo caso torna titolare Abaev, mentre Shishkin va in panchina al posto di Mykhalyk. Tornano inoltre Boussoufa Diarra dai rispettivi infortuni ed entrambi finiscono in panchina. Dall'altra parte, invece, da notare le presenze di due grandi ex, Bilyaletdinov e Eschenko. Solo panca per Aliev, acclamato, a fine di gara dalla sud, a tornare a Cherkizovo. La prima occasione del match è sui piedi di Mykhalyk, ma il tiro dalla distanza dell'ucraino viene parato da Kerzhakov, il migliore dei suoi. Successivamente capitan Samedov riesce a guadagnarsi un buon calcio di punizione dal limite che lui stesso batte, ma il portiere dago afferra la palla ancora con sicurezza. Passa poco e la Loko va vicina ancora più nitidamente al vantaggio con N'Doye, il colpo di testa del quale si stampa sulla traversa. Sempre il senegalese pochi minuti dopo è ancora pericoloso in mezzo all'area, ma il suo pericoloso tiro viene mandato in corner. A questo punto rispondono anche gli ospiti con Bystrov, il quale vinto un rimpallo di fortuna con Abaev, si presenta davanti alla porta sguarnita, ma all'ultimo un grande Durica salva tutto. Tuttavia, non è finita qui. L'ultima occasione del primo tempo è ancora per la Loko sui piedi di N'Doye, il quale in mischia sbaglia incredibilmente, quasi inciampando sul pallone. Nella ripresa entra prima Boussoufa, per uno spento Ozdoev, e poi anche Diarra, per Mykhalyk. La musica dovrebbe cambiare, ma l'Anzhi rimane compatto e costringe i padroni di casa ad uno sterile possesso palla. Come se non bastasse, si infortuna anche Maicon, al posto del quale entra Grigorjev. E proprio l'ex Spartak ha l'occasione più ghiotta della partita con un tiro dal centro dell'area davanti a Kerzhakov, che però finisce alto sopra la traversa. Negli ultimi minuti non succede più niente e così a Egorov non resta che fischiare lo 0-0 finale. Loko che così perde altri due punti, venendo superata dallo Zenit

Queste le parole di Kuchuk: In che stato è Maicon? Quanto è grave il suo infortunio? "Dobbiamo capirlo. In cinque minuti è impossibile fare una diagnosi. Ha bisogno di particolari cure, solo allora potremo dire qualcosa." Perchè la squadra è stata così poco efficace in attacco? "Oggi c'è stato un rivale oltre a noi che ha difeso il risultato qualitativamente. Abbiamo creato delle occasioni, ma è mancata un po' di fortuna." Lo Zenit ha giocato prima, c'era un po' di pressione? "Onestamente non fa differenza giocare primo o dopo. Sono necessari gioco e prontezza, il resto è irrilevante." Non pensi che la presenza di Aleksey Miranchuk o Tkachyov dall'inizio avrebbe potuto aiutare la squadra in attacco? Entrambi sono in grado di dare bene l'ultimo passaggio. "Tutti devono essere in grado di fare questo. Ma a volte è difficile farlo. Tkachyov poi si è infortunato contro il Volga, uscendo zoppicante nel finale." Un incontro con lo Spartak equivale ad uno di Champions League. E di questo cosa dici? "Il campionato russo è difficile. C'è un sacco di densità in campo e poco spazio. L'Anzhi è una squadra di tutto rispetto che ha tenuto testa all'AZ Alkmaar, una delle squadre olandesi migliori che gioca regolarmente in competizioni internazionali, in Europa League. Giudicate voi." Possiamo dire ora che lo Zenit è favorito per il titolo? "Voi cosa ne pensate?" Che la Loko ora ha meno chance. "E quando eravamo dietro di 6 punti? Noi non rinunceremo mai e giocheremo per ottenere risultati significativi. Mi piacciono gli allenatori che non mollano mai prematuramente. Questo è il mio credo. Ci vuole un atteggiamento calmo nella situazione attuale." Come si spiega il fatto che la Lokomotiv possa vincere il terzo titolo della sua storia e che allo stadio ci sono così poche persone? "Come si può spiegare? Coloro che vengono allo stadio, supportano alla grande la squadra e io gliene sono grato. Naturalmente se lo stadio fosse pieno, sarebbe perfetto: i fan aggiungerebbero energia. Tuttavia, questa è la realtà."  

Lokomotiv Mosca - Anzhi Makhachkala 0-0
Lokomotiv: Abaev, Yanbaev, Corluka, Durica, Denisov, Mykhalyk (Diarra, 58), Sheshukov, Samedov, Ozdoev (Boussoufa 46), Maicon (Grigorjev, 68), N'Doye.
Anzhi: Kerzhakov, Eschenko, Gadzhibekov, Grigalava, Epureanu, Bilyaletdinov, Akhmedov, Bystrov (Gadzhiev, 71), Maksimov, Smolov (Ewerton, 37), Bukharov (Serderov, 82).
Ammonizioni: 52' Akhmedov, 57' Boussoufa. 13 aprile. Lokomotiv Stadium, Mosca. 11.499 spettatori.

Pagelle.
Abaev 6 | Raramente chiamato in causa, continua il periodo di imbattibilità. 
Yanbaev 6 | Buona spinta sulla corsia di destra, tuttavia a volte lascia degli insidiosi buchi, ben coperti dai compagni. 
Durica | Il migliore in campo. Alla 100esima in rossoverde non sbaglia praticamente nulla. 
Corluka 6.5 | Bene in difesa, peggio in fase di impostazione. Diversi palloni persi e possesso mal gestito.
V. Denisov | Una volta in attacco, non affonda mai sulla sinistra.
Mykhalyk | Altra prestazione da gravemente insufficiente in pagella. In estate dovrà cercarsi una nuovo squadra. 
Sheshukov 6.5 | Nel primo tempo è tra i migliori, poi cala come i compagni. Perde la concentrazione e anche le cose semplici diventano le più difficili. 
Maicon 5.5 | Dopo l'indimenticabile match di lunedì, ci si aspettava molto dal brasiliano. Invece delude e esce in barella per infortunio. Speriamo che almeno non sia niente di grave. 
Samedov 6.5 | L'unico che prova a inventare qualcosa, sfruttando anche la presenza di Capello allo stadio per mettersi in mostra. 
Ozdoev | Partita letteralmente da dimenticare per Ozdoev che sbaglia veramente tutto. Come se non bastasse, si è mangiato definitivamente una chance per il mondiale. 
N'Doye 5.5 | Impreciso è un eufemismo. Kerzhakov para tutto e per un giorno il senegalese ricorda il connazionale Baye Fall, che a Cherkizovo di certo non ha lasciato un bel ricordo. 
Boussoufa | Entra e prova a fare qualcosa, ma le settimane di assenza si sentono nell'interazione con il resto della squadra.
Diarra 6Appena subentrato in campo si presenta con una serpentina da campione. Poi si fa male, infortunio da valutare, e rimane in campo solo per la maglia.
Grigorjev  Ha la palla della vittoria sui piedi ma sbaglia clamorosamente. Flop.
Kuchuk | Sbaglia la formazione iniziale. Uno come Mykhalyk merita di essere radiato dalla Russia, mentre Ozdoev è fuori forma. Con i campioni Diarra e Boussoufa dall'inizio probabilmente sarebbe stata un'altra storia. 

Statistiche e curiosità.
Gara numero 100 per Durica in maglia Lokomotiv, presenze così suddivise: 6 in Europa League, 2 in Kubok Rossii e 92 in RPL. Foto omaggio dei tifosi: QUI. Precedentemente il difensore slovacco era già arrivato a quota 150 nel massimo campionato russo. 

La Molodezhnoye.
Altra brutta sconfitta per le riserve. Stavolta a far festa è l'Anzhi, che vince grazie all'unica rete del match segnata da Udunyan. 'Ferrovieri' penalizzati dalle pesanti assenze di Lobantsev, Lystsov e Koryan, impegnati con le nazionali giovanili. Loko che retrocede così al quarto posto a quota 39, a favore proprio dei daghestani ora a quota 41Per la classifica: QUI.